.
Annunci online

  avocado [ NON AGITIAMOCI: TANTO NEI TEMPI LUNGHI SAREMO TUTTI MORTI. "...E quando una persona mite decide di fare la stronza, lo sa fare. Alla grande. Freddamente. Lucidamente. Con cattiveria. Senza sconti".www.unamanciata di more.splinder.com ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


grandmere
ROSA
MARGHE
TIGLI
CARLO
ROMANA
VALENTINA
MAZZULLO
PIGIAMA A RIGHE
fort
LOTO
ENRICO
GIORS
OLTRE IL CANCRO
MARINA
ALTEZZA REALE
OLGHINA DI ROBILANT
WIDE
MAMIGA'
MIA
GIORGIA
CHIARA
EMILY
AGRI
CAUTY
STEFANO
GARBO
ZENA
DELPHINE
MURASAKI
NONNA
RENATA
BARBARA
CONGEDO
DISINFORMAZIONE
VIDEOMISTERI
GARDENIA
RICETTE REALI
CORRIERE
REPUBBLICA
STAMPA
VECCHILIBRI
GIORNALE
AMAZZONE
JUNG
ALLE
ROYALDUE
VEJA
LAURA
PUNTOVIOLA
CATERINA
L'ANCORA
IL RASOIO DI OCCAM
LOREDANA LIPPERINI
MARTA
SVEZIA
VARIA NOBILTA'
MAXIMA
ESTEL
VALLEBORMIDA
SPINOZA
SAVOIA
antonella landi
voghera
università pavia
Archiniere
elasti-girl
alessandria
il piccolo
provincia pavese
oltrepò
genslabo
mistero

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


14 luglio 2011

ACCADE AD ALBA

Marello, due anni da sindaco

9 luglio 2011
(dall’intervista pubblicata su Gazzetta d’Alba il 5 luglio a cura di Matteo Viberti)

Due anni di lavoro per lei, per gli assessori e per i consiglieri eletti nel 2009. Quali i risultati positivi, e quali i nodi critici rimasti irrisolti, Marello?

«Il risultato più significativo di questi due anni di lavoro è il progetto preliminare del Piano regolatore, che si discuterà in Consiglio comunale venerdì 15 luglio. Tante altre cose abbiamo fatto: impossibile riportarle una per una. Ci siamo occupati dei piccoli problemi, delle manutenzioni, del verde e del decoro urbano, così come delle grandi opere. Basti ricordare l’intensa azione volta a dare una risposta – pur sempre insufficiente – alla grave emergenza abitativa che si è manifestata tra i ceti più deboli; la definizione di un progetto di ampio respiro per la viabilità (questa settimana partono i lavori della bretella del Mogliasso); la rinnovata impostazione delle maggiorimanifestazioni turistico-culturali; il bilancio positivo del Teatro sociale; il miglioramento della situazione sul fronte della raccolta dei rifiuti e dell’inquinamento dell’aria; il riordino delle gestioni degli impianti sportivi e dell’intero sistema delle partecipazioni, la particolare attenzione al mondo agricolo. Cose da fare ne rimangono tante, male più gravi non dipendono solo dalla nostra volontà: basti citare il nodo dell’autostrada o quello del nuovo ospedale e della viabilità di collegamento».

Eppure, una della maggiori critiche che ricevete è quella di badare all’ordinario. Di mancare, insomma, di coraggio e slancio, ad esempio, per quanto riguarda le opportunità giovanili e d’incontro.

«La risposta migliore è nei fatti. Si lavora a una costante programmazione di medio e lungo periodo: sul versante urbanistico (si veda il Piano regolatore, maanche importanti varianti strutturali come quelle per l’edilizia agevolata, l’housing sociale e la rilocalizzazione di Egea), in campo turistico-culturale e sul fronte ambientale (raccolta differenziata al 52 al per cento e dell’umido “porta a porta”). Ciò avviene nonostante il massacro dei trasferimenti statali e il Patto di stabilità. Siamo riusciti a dare continuità a tutti i servizi resi dal Comune anche in campo sociale e scolastico. Sul fronte giovanile si è costituito il Forum giovani e sono tanti i momenti culturali e quelli di ritrovo che vive la città, compresi i recenti martedì musicali».

Con il Piano regolatore, che cosa cambierà per la città? Quanto “cemento” nuovo è previsto?

«Del Piano regolatore potremo parlare a lungo nel prossimo periodo. Certamente prevede nuove edificazioni, ma questo non significa una colata di cemento in favore della speculazione. Significa tener conto delle necessità di uno sviluppo intelligente e armonico della città nel prossimo ventennio.Ecomunque, rispetto al progetto messo a punto dalla precedente Amministrazione, il consumodi superficie verde si riduce. Per la città prevediamo numerosi cambiamenti, tutti mirati a renderla più ordinata e vivibile, come già illustrato da Gazzetta».

Anche alla luce dei recenti e inquietanti avvenimenti – due arresti per imputazione mafiosa proprio ad Alba –, pensa che la criminalità organizzata possa coinvolgerci?

«Mi auguro fortemente di no. È vero che la nostra città, essendo zona di elevato benessere e di sviluppato spirito imprenditoriale, può suscitare appetiti in organizzazioni criminali che possono ambire a penetrare in un’economia florida. Ma so che la vigilanza civile tra i nostri cittadini è forte e confido che sarà ancora più forte per sconfiggere ogni tentativo di malefica infiltrazione».

Ci sono sempre meno soldi: dobbiamo aspettarci tempi ancora più duri?

«In questi giorni si parla di allentamento dei vincoli del Patto di stabilità per i Comuni “virtuosi”, tra cui ci siamo anche noi. Ma aspettiamo di vedere in concreto in che cosa si traducono questi propositi. Certo, non possiamo attenderci fiumi di soldi freschi in una congiuntura sempre assai dura per l’intero Paese. Però, ci stiamo abituando a “fare meglio con meno”, usando bene le risorse, e credo sia questa la politica più saggia ed efficace. Dovrebbero comportarsi come noi tutti gli enti locali e anche lo Stato, i Ministeri e le Regioni. Così, forse, i conti italiani andrebbero meglio».

Quali sono i punti deboli di Alba?

«Per fortuna, questa nostra città è solida e coesa. Punti deboli ce ne sono sempre, ma non in misura tale da creare patemi. La vitalità che la anima ha bisogno di essere ricondotta – molto più di quanto sia stato fatto nel precedente decennio – entro un disegno ordinato, che tenga conto delle esigenze dei cittadini, delle imprese e del mondo del volontariato. Un’attenzione particolare la riservo alle famiglie e ai bambini. Vuole sapere qual è stata la mia più forte preoccupazione da quando sono sindaco? Vedere persone scivolare, non certo per loro colpa, in situazioni difficili per l’abitazione, per la cura di parenti anziani, per il lavoro che non c’è più o che non arriva. Abbiamo cercato di fare il possibile per venire loro incontro, manon basta mai. Bisogna che lo Stato e la Regione manifestino molta più sensibilità di ora».

Due anni dopo, rifarebbe la scelta di candidarsi?

«Sì. Mi sento onorato della fiducia degli albesi e faccio il possibile per esserne all’altezza. Certo, fare il sindaco in questi tempi è faticoso, ma lavorare con una squadra di assessori e consiglieri unita e con persone che operano in trasparenza e nell’esclusivo interesse della città è per me motivo di grande soddisfazione».




permalink | inviato da fiordistella il 14/7/2011 alle 16:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa


15 settembre 2010

ACCADE AD ALBA

da: www.lavocedellelanghe.wordpress.com

Sabato 11 Settembre il Sindaco di Alba Maurizio Marello ha deciso di festeggiare assieme alla propria coalizione e ai cittadini il primo anno di governo. La festa, organizzata in Piazza del Duomo, comprendeva un momento di spettacolo per bambini e successivamente l’intervento del Sindaco Marello e dell’ospite della manifestazione, il primo cittadino di Lecco Virginio Brivio.

Non lo avesse mai fatto. Subito si sono levati cori di proteste dalle opposte fazioni politiche, soprattutto da alcuni esponenti del PdL.

I primi a scagliarsi contro l’avvenimento sono stati i dirigenti del PdL Albese, polemizzando sulla data scelta per la celebrazione. Secondo i dirigenti del PdL albese in quella data si devono ricordare le vittime dell’attentato alle Torri Gemelle del 2001 e non pare opportuno festeggiare vista la triste ricorrenza.

Non paghi del polverone creato, a supporto dei dirigenti si sono immolati dalle retrovie altri due esponenti del PdL: Emanuele Bolla e Domenico Boeri. Sulla Gazzetta d’Alba di questa settimana i due contestano a Marello una serie di “affissioni selvagge” e inoltre  “la mancanza dei timbri che dovrebbero corredare ogni affissione”.

Infine a dare il colpo del K.O. ci ha pensato nuovamente il gruppo PdL tutto, sempre su Gazzetta d’Alba, lamentando la mancata pubblicizzazione dell’imminente Fiera del Tartufo. “La festa del “sindaco” è pubblicizzata dappertutto mentre per la Fiera non si provvede a far nulla” asseriscono i Pdl-ini, e ancora “Negli anni passati sin dal mese di Luglio erano presenti i dèpliant della fiera [..] oggi nulla: solo manifesti e “autoparlanti” [?] che ricordano la festa del Sindaco in piazza del Duomo.”

Il Sindaco e la sua coalizione non hanno fatto attendere le risposte,recapitate a mezzo stampa e tramite il blog di Marello.

Il capo gabinetto Gianfranco Maggi ha sottolineato che “tale manifestazione è stata voluta, preparata, propagandata (e pagata) appunto da un gruppo di formazioni politiche, e che nessun onere di alcun tipo ha comportato per l’Amministrazione comunale” e inoltre “concordiamo che l’11 settembre debba sempre indurre a riflessioni intorno alla tragedia del 2001. E la festa [..] è stata utilizzata anche per richiamare l’attenzione dei cittadini su fatti atroci.“

Il comitato organizzatore ha invece replicato a Boeri e Bolla precisando che “Per i manifesti affissi negli appositi spazi AIPA è stata regolarmente pagata la tassa affissioni e tutte le locandine appese nei bar e negozi della città erano regolarmente timbrate.”

Insomma, come tutte le feste che si rispettino, si è creato un po’ di clamore attorno all’evento. Chi era a favore, chi criticava. Magari il prossimo anno il Sindaco potrà organizzare un bel viaggio al Polo per tutti i politici albesi, per raffreddare i bollenti spiriti.

da :www.mauriziomarello.wordpress.com

Precisazione sui manifesti per festa 11 settembre

14 settembre 2010

In merito alla foto apparsa sui giornali locali dove due esponenti del Pdl, Bolla e Boeri,  accusano di un utilizzo improprio delle affissioni pubbliche  da parte della coalizione di governo precisiamo quanto segue:

-  il manifesto “un anno insieme” ritratto in foto era appeso ad uno dei pannelli mobili nei pressi del gazebo di venerdì mattina al mercato di Corso Europa. (Per tutti i gazebo fatti è stata richiesta regolare autorizzazione)

- Per i manifesti affissi negli appositi spazi AIPA è stata regolarmente pagata la tassa affissioni e tutte le locandine appese nei bar e negozi della città erano regolarmente timbrate.  (Il tutto è documentato con ricevute di pagamento!)

Il comitato organizzatore della coalizione

Mah! Robe da matti...n.d.r.




permalink | inviato da fiordistella il 15/9/2010 alle 15:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa


10 settembre 2010

ACCADE AD ALBA

“UN ANNO INSIEME” – incontro in piazza del Duomo SABATO 11 SETTEMBRE

Oggi, venerdì 10 settembre, in occasione dei funerali di Angelo Vassallo, il Sindaco di Pollica ucciso dalla camorra, il Comune di Alba esporrà le bandiere a mezz’asta in segno di lutto.
Il brutale assassinio di un Sindaco che, al pari di altri, ha orientato tutta la sua attività politica e speso la sua vita in difesa del valore della legalità e nella ricerca del bene comune della sua terra e della sua gente colpisce in modo diretto tutte le Amministrazioni locali. Anche il Comune di Alba vuole sottolineare la gravità di quanto è accaduto e dire, attraverso questo gesto simbolico, la vicinanza ai familiari di Angelo Vassallo ed a tutti i cittadini di Pollica

12 settembre: Alba e Bra ricordano insieme l’inizio della lotta di liberazione

“Sono passati 67 anni dai tragici avvenimenti che videro la deportazione nei campi di lavoro coatto in Germania di 1800 militari del 43° Reggimento di stanza nella nostra città. I cittadini albesi corsero in soccorso dei militari imprigionati, confortandoli e facilitando la fuga di alcuni di loro. Molti altri, poi, ottennero la libertà alla stazione di Bra, grazie all’eroico comportamento della cittadina braidese Dolores Buccirosso che, con audacia, aprì alcuni dei vagoni ferroviari fermi in stazione. Con questi gesti iniziava il riscatto della lotta di liberazione”. Con queste parole, il Sindaco di Alba Maurizio Marello, invita i cittadini, soprattutto i più giovani, a partecipare alle celebrazioni organizzate domenica 12 settembre dal Comune di Alba.

 Alle ore 10.30 si terrà, nella chiesa di Cristo Re, la Santa Messa in suffragio di tutti i caduti. Alle 11.15, nei pressi della Scuola Media Macrino (area delle due querce, ex Caserma Govone), verrà deposta una corona di alloro a ricordo di tutti i caduti di guerra e verranno ripercorsi gli avvenimenti attraverso i racconti dei Sindaci di Alba e di Bra.

www.mauriziomarello.wordpress.com




permalink | inviato da fiordistella il 10/9/2010 alle 7:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


23 dicembre 2009

AUGURI

Faccio uno strappettino piccino picciò, perchè credo ne valga la pena :-)

info@mauriziomarello.it

Carissimi,
le feste natalizie sono un momento in cui la nostra città
si mostra con tutti i segni del suo diffuso benessere e
dell'ampiezza di offerta del suo sistema commerciale.
Anche la recente indicazione (con tutti i limiti di queste
classifiche) di Alba come la seconda città non capoluogo
in cui si vive meglio in Italia ci conforta in questa
visione e ci inorgoglisce. Auguro quindi a tutti i cittadini
che, nella loro famiglia e con coloro a cui vogliono bene,
possano trascorrere nel modo più sereno questi giorni.

Ma, proprio in simili occasioni, non possiamo dimenticarci
di chi è in difficoltà. Di chi ha redditi troppo bassi
per un tenore di vita pur modesto. Di chi ha perso il lavoro
e tribola a trovarne un altro. Di chi il lavoro non l'ha
ancora trovato e si arrangia in una precarietà miseramente
remunerata. Di chi è sfrattato dalla sua casa o sta per
esserlo, pur in una città dove stragrande è il numero
degli alloggi sfitti. Di chi ha in casa e cura
amorevolmente, ma con gli intuibili disagi, persone disabili
o non autosufficienti. Di chi è rimasto solo. Di chi è
malato o ha malati in casa. Di chi è lontano dalla sua
famiglia e dalla sua patria.

Tutte queste persone, sempre ma soprattutto ora, devono
essere al centro dei nostri pensieri. Per fortuna Alba è
una città ricchissima di esperienze lodevoli di
solidarietà. Tanti sono coloro che danno tempo, denaro,
amore per venire incontro ai vari tipi di povertà e per
alleviare le sofferenze. Anche l'Amministrazione comunale
si sta impegnando con decisione su questo fronte, cercando
di fare in modo che Alba, oltre che come città ricca e
vivibile, sia conosciuta ed apprezzata anche come città
solidale.

Così onoreremo nel modo migliore - credenti, non
credenti, credenti di altre fedi - Colui che, appena nato,
i suoi genitori "deposero in una mangiatoia, perché non
c'era posto per loro nell'albergo" (Luca, 2.7).


Con affetto

Maurizio Marello




permalink | inviato da fiordistella il 23/12/2009 alle 8:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa


23 ottobre 2009

I 23 GIORNI DELLA CITTA' DI ALBA

« Alba la presero in duemila il 10 ottobre e la persero in duecento il 2 novembre dell'anno 1944. »
Beppe Fenoglio

Copioincollo da www.mauriziomarello.wordpress.com

Lettera aperta del Sindaco in occasione delle celebrazioni del 65° anniversario dei 23 giorni della Libera Repubblica di Alba, 10 ottobre 1944 – 2 novembre 1944

Non poche persone mi hanno chiesto perché nei miei più significativi interventi pubblici io ricordi sempre la Resistenza. Alcuni mi hanno esplicitamente ringraziato per questo.

Vorrei spiegare il motivo della mia scelta, che non è certo un puro espediente retorico.

Sono convinto che il lascito della Resistenza sia il bene più prezioso per la nostra democrazia, e che esso non vada in alcun modo trascurato o disperso. In quei venti mesi che vanno dal settembre 1943 all’aprile 1945 la democrazia italiana affonda le sue radici vitali; lì essa è stata fondata non da astrusi accordi di partiti ma dall’impeto e dalla volontà decisa del popolo. Sempre lì, nell’unità di intenti che in quel periodo cementava le forze degli italiani, al di là delle pur esistenti diversità di visioni politiche, trova la sua ragione fondativa il patto che tiene legati tutti gli italiani, la nostra Costituzione.

Ai giovani, cui quella stagione può sembrare lontanissima e quindi ormai da dimenticare, io vorrei ricordare che a battersi per restituire all’Italia le perdute libertà e dignità furono uomini e donne giovani e giovanissimi, come sono loro. Gente comune, intellettuali, operai, contadini, militari: in tutto diversi, ma accomunati dall’ideale di vedere l’Italia risorgere dal buio di un regime liberticida e della sudditanza al nazi-fascismo e alla sua vergognosa politica razzista. Molte di quelle persone pagarono la loro generosità con il carcere, con la deportazione, tante anche con la vita.

Tra quelle persone stanno i duemila partigiani che il 10 ottobre 1944 liberarono Alba, sia pure solo per 23 giorni, accolte con gioia dalla popolazione che vedeva in loro i propri figli migliori. Era l’anticipazione della liberazione definitiva che arrivò nell’aprile del 1945.

Quello slancio, quel sacrificio noi non possiamo tradirli. Tramite loro abbiamo riavuto la libertà e la democrazia, beni dal valore incalcolabile. Quel che da loro abbiamo ricevuto dobbiamo e vogliamo trasmetterlo integro a chi viene dopo di noi.

Ecco la ragione per cui ho sempre ricordato e continuerò a ricordare la Resistenza. Come sindaco di Alba, città decorata con la medaglia d’oro per il suo contributo alla lotta di liberazione, sentirei, non facendolo, di mancare al mio dovere.

Alba, 22 ottobre 2009. Il Sindaco

Avv. Maurizio Marello




permalink | inviato da fiordistella il 23/10/2009 alle 23:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa


21 ottobre 2009

PREMIO CITTA' DI ALBA-ALBA POMPEIA

Quest'anno il premio " Alba Pompeia" sarà attribuito alla provincia dell'Aquila. E oggi, verso sera, arriveranno una trentina di alunni dell'istituto professionale Colecchi dell'Aquila, accompagnati dai loro insegnanti, che saranno ospitati nelle case degli allievi delle scuole superiori albesi. Saranno ricevuti alle 18.00 in Municipio dal sindaco Marello, che li saluterà a nome della cittadinanza e poi raggiungeranno le loro famiglie ospitanti.
Volete conoscere il programma per intero, cari i miei lupacchiotti marsicani? Va be', proprio perchè siete voi, eh... :-)

da
www.targatocn.it

Il 'Premio Città di Alba, Alba Pompeia' verrà assegnato quest’anno alla Provincia dell’Aquila per sottolinearne l’impegno profuso nella rinascita del territorio dopo il terremoto del sei aprile. La consegna del premio avverrà sabato 24 ottobre, alle 17, al Teatro Sociale 'G. Busca'. La cerimonia sarà preceduta alle 11 da una conferenza stampa alla Fondazione Piera, Pietro e Giovanni Ferrero e si concluderà con un incontro all’istituto professionale statale per l’Arte Bianca di Neive. La finalità del 'Premio Città di Alba, Alba Pompeia' è quella di attribuire un riconoscimento a persone o enti impegnati nella valorizzazione del territorio, in tutti i suoi aspetti.

Il Premio è promosso e realizzato dall’Amministrazione albese, d’intesa con il Comitato Alba Pompeia, grazie all’intervento finanziario della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo. La cerimonia del 24 ottobre è il momento conclusivo di una più ampia iniziativa che coinvolgerà gli studenti albesi e l’istituto scolastico 'Ottavio Colecchi' del Comune di L’Aquila. Gli studenti Aquilani arriveranno ad Alba il 21 ottobre, alle 18, e saranno accolti in Sala consiglio dall’Amministrazione comunale e dal Comitato organizzatore del Premio.

Fino al 23 ottobre, avranno occasione di partecipare a iniziative culturali, inserite nell’ambito della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco D’Alba, ed in particolare potranno approfondire la conoscenza dei due grandi scrittori Beppe Fenoglio e Ignazio Silone.
I convegni a cui prenderanno parte saranno: 'Luoghi e personaggi siloniani' a cura dell’istituto di istruzione superiore 'Ottavio Colecchi' di L’Aquila, 'Silone e il vino' a cura del liceo scientifico 'Leonardo Cocito' di Alba (presso l’Università di Torino – Facoltà di Agraria, Ampelion); 'Beppe Fenoglio e i racconti di Langa' a cura dell’associazione centro studi di letteratura, storia, arte e cultura 'Beppe Fenoglio' di Alba (presso il liceo delle scienze sociali 'Leonardo Da Vinci' di Alba); 'Cavour ed i 150 anni dell’Unità d’Italia' a cura del liceo classico “Arimondi” di Savigliano (presso il castello di Grinzane Cavour), visite ai castelli di Grinzane Cavour e Serralunga d’Alba, a cantine ed all’istituto tecnico agrario 'Umberto I' di Alba.

La città di Alba, colpita dall’alluvione del ’94, ha voluto promuovere con questa iniziativa un’azione di solidarietà non solo materiale, ma anche spirituale, coinvolgendo un istituto scolastico aquilano individuato dall’Amministrazione provinciale. 



Vi piace il nostro teatro? C'è una sala storica stupenda. Su, fate un salto a vederla, pigroni! :-))




permalink | inviato da fiordistella il 21/10/2009 alle 15:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


14 ottobre 2009

ABBIAMO VINTO!!! ABBIAMO VINTO!!!

 

Care le mie tost(at)issime noccioline americane, nuntio vobis gaudium magnum: Il TAR ha confermato la composizione del Consiglio comunale di Alba e, dunque, allelujaaaa!!!!!!!! E' probabile che voi trasecoliate e vi chiediate che cosa cappero io stia dicendo. Vi riporto lo stralcio di Gazzetta d'Alba di ieri:
"Il 14 ottobre, il Tribunale Amministrativi Regionale (TAR) si pronuncerà sul ricorso dei consiglieri del centro-destra esclusi dal Consiglio comunale. Com'è noto, la querelle è iniziata subito dopo il voto: le liste di centro-destra guidate da Carlo Castellengo hanno ottenuto il 51% dei voti in totale, ma Castellengo soltanto il 42% poichè molti albesi hanno esercitato il voto disgiunto( voto di lista al centro-destra, voto al sindaco di centro-sinistra). Come bisogna interpretare la legge e come si computa la maggioranza dei voti validi lo stabilirà il TAR domani, mercoledì 14."


 

E il TAR, cari i miei scoiattoloni prossimi al letargo, ha sentenziato che il centro-sinistra merita di governare alla grandissima con il suo super-sindaco: Maurizio Marello.

Hip hip hip HURRA'

Allora, cari: in queste circostanze, che vi piaccia o no, io vi infliggo l'Halleluja di Haendel. Sarà la quindicesima volta che lo faccio e spero di arrivare alla trentesima. Halleluja!!!!

http://www.youtube.com/watch?v=nnHksDFHTQI




permalink | inviato da fiordistella il 14/10/2009 alle 19:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa


1 agosto 2009

ACCADE AD ALBA: E DOVE, SE NO...

Qui ad Alba, a poco più di un mese dall'insediamento, il Sindaco, la Giunta e il Consiglio comunale di centrosinistra sono nel pieno dell'attività politico-amministrativa. Lavorano tutti come dei forsennati e tutti gli albesi sanno quello che stanno facendo. Consigli comunali gremiti di cittadini, comunicati stampa ai giornali nell'ambito dell'operazione trasparenza, provvedimenti in linea con l'aria nuova promessa in campagna elettorale...e un Sindaco che tiene puntualmente aggiornati i suoi concittadini, tramite blog personale, su tutto ciò che accade nel Palazzo. Non ci credete, o gente di poca fede?!?!
Date un po' un'occhiata qui a sinistra...Cercate nella colonna dei links Maurizio Marello e fate un giretto sul suo blog. Troverete notizie puntuali, circostanziate e aggiornatissime su tutta l'attività amministrativa.
Ad Alba succede...e altrove?
Abbiate pazienza: vi rimetto l'Halleluja di Haendel, perchè ci sta tutto :-)) Bye

http://www.youtube.com/watch?v=nnHksDFHTQI




permalink | inviato da fiordistella il 1/8/2009 alle 23:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


26 luglio 2009

ACCADE AD ALBA. E DOVE, ALTRIMENTI... :-))

Forse, care le mie garrule ghiandaie, vi sembrerà eccessivo che, ad ogni piè sospinto, io non faccia che rimarcare le magnifiche sorti e progressive di Alba e zone limitrofe. Embè, scusate, rassegnatevi: siamo i migliori. Punto.
Guardate un po' qui...:
www.targatocn.it

Alba: ridotte indennità di funzione per Sindaco e Assessori.

Ridotte le indennità di funzione del Sindaco e degli Assessori. L’adeguamento è stato fissato sulla base di quanto previsto dal Decreto Legislativo n. 112/2008, convertito in legge 133/2008. Il Sindaco di Alba avrà una indennità lorda di 3.633,28 Euro, contro i 4.689,77 del suo predecessore. Il netto mensile sarà di circa euro 2.500. Al Vicesindaco spetteranno 1.998,29 Euro, contro i 2.232,38 del suo predecessore. Il netto mensile sarà di circa 1.490,00 Euro. Gli Assessori avranno un’indennità di 1.634,97 Euro, contro i 1.826,50 dei loro predecessori, mentre il netto mensile sarà di circa 1.230,00 Euro.
Per quanto riguarda gli Assessori dipendenti che non abbiano richiesto l’aspettativa dal posto di lavoro, l’indennità sarà di 817,49 euro, contro i 913,25. Il netto mensile sarà di circa 623,00 euro.

Cioè, se non si fosse capito bene, dopo solo tre settimane dall'insediamento in municipio, Maurizio Marello ha deliberato di ridurre le indennità di funzione di tutta la giunta.
Spiega il Sindaco: " Ad Alba, abbiamo voluto fare una delibera apposita per dare un segnale, per dire che siamo d'accordo sulla riduzione dei costi della politica. Ci piacerebbe però che ciò non riguardasse solo gli enti locali, ma anche quelli regionali e nazionali".

Attendo fiduciosa notizie analoghe, in tempi brevissimi, da luoghi qualsivoglia. Bye :-))


 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giunta alba

permalink | inviato da fiordistella il 26/7/2009 alle 22:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


9 luglio 2009

TRASPARENZA ALBESE

Cari i miei salmoncini in rapida risalita, mi punge vaghezza di rendervi edotti su come si sia incominciato ad amministrare ad Alba. Ricordate la cavalcata trionfale dell'avvocato Marello verso l'incarico a primo cittadino? Certo che ve la ricordate, ci mancherebbe. Vi ho stressato a non finire... :-))
Ebbene, il sindaco Marello ha iniziato a lavorare sodo e ha contestualmente stabilito che i cittadini debbano essere messi al corrente di quanto succede in Comune. Dunque, settimanalmente o anche più, aggiorna il suo blog e illustra quanto avviene in Consiglio, in Giunta e in città. Bon, gente, mi sembra una roba talmente buona da poter e dover essere additata ad esempio da seguire, urbi et orbi. Ancora una volta, Alba è Alba.
P.S: se a Erba, o a Campomorone, o a Sezzadio, o a Roma, o a Torino, o a Casteggio, o a Trento, o a Bereguardo, o all'Aquila o dovunque voi siate, voleste curiosare tra le attività amministrative di Alba, sappiate che fra i miei links, qui a sinistra, troverete quello di Maurizio Marello. Cliccate e leggete. Bye :-))


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. maurizio marello sindaco alba

permalink | inviato da fiordistella il 9/7/2009 alle 13:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

sfoglia     settembre       

https://www.facebook.com/?ref=logo https://www.facebook.com/photo.php?fbid=103550949752993&set=a.103550946419660.4947.100002942650526&type=1&source=11 Maria Antonietta Panizza

Crea il tuo badge


by Blografando&BW